imghome03

"La Mecca Legge rivelata e ordine sociale nell'Islam sunnita" Ciclo di Conferenze "Città sante"

20 / 1 / 2017

La Mecca

Legge rivelata e ordine sociale nell'Islam sunnita

venerdì 20 gennaio 2017 ore 17.30
Massimo Campanini
Professore di Storia dei Paesi islamici - Università di Trento

La dogmatica della religione islamica è molto semplificata e, sostanzialmente, si incentra nella confessione di fede monoteistica, con quanto essa implica relativamente alla rivelazione profetica. La ben nota formula è: "Non vi è altro dio al di fuori di Dio e Muhammad è l'Inviato di Dio" (in arabo: la ilah illa Allah wa Muhammad rasùl Allah). Dall'Unicità di Dio deriva la credenza in ciò che Dio ha creato e decretato: gli angeli, il giorno del giudizio, la rivelazione comunicata ai profeti attraverso Libri sacri. A parte questi elementi trascendenti, i primi versetti del secondo capitolo (sura)del Corano sottolineano che i musulmani credono nell'invisibile, eseguono la preghiera ed elargiscono (ai poveri e ai bisognosi) quanto hanno ricevuto in dono dalla benevolenza divina. Dunque, si aggiunge un aspetto pratico, attivo (la preghiera e l'elemosina legale) a quello legato strettamente al culto.
Al di là di questo, nessuna credenza e nessun mistero vincola il fedele. L'invisibile di cui parla il Corano è la dimensione dell'imperscrutabile volontà di Dio, non dogmi che la ragione è incapace di spiegare e che i musulmani considerano volentieri come irrazionali (per esempio, riguardo al cristianesimo, la Trinità, l'Incarnazione, la transustanziazione, i sacramenti, ecc.). Sono piuttosto gli obblighi cultuali ('ibadat in arabo) che si impongono al fedele: oltre alla professione dell'Unicità, la preghiera e l'elemosina legale, già citati, il digiuno nel mese di Ramadan dall'alba al tramonto e il pellegrinaggio alla Mecca almeno una volta nella vita, se se ne hanno i mezzi e se si gode di buona salute. Sono questi obblighi pratici, i famosi "cinque pilastri", che qualificano l'appartenenza del fedele all'islam molto più della dogmatica, e che gli garantiscono la salvezza. Si narra che un giorno un uomo si presentò al Profeta Muhammad e gli chiese: «Se pratico i cinque pilastri e non aggiungo altro, andrò in paradiso?». Il Profeta rispose: «sì».
Ciò significa che, rispetto ancora al cristianesimo, l'islam è essenzialmente ortoprassi, ovvero "retto comportamento", piuttosto che ortodossia, ovvero "retta opinione". Importa più ciò che si fa che ciò che si crede (al di là ovviamente della confessione monoteistica). Ancora il Corano dice che Dio perdona ogni peccato e ogni colpa, tranne il politeismo, l'associare alla sua Unicità altri dèi. Il fatto già evidenziato che nell'islam sunnita non esistano né Chiesa né clero, cioè non esistano né un organismo centrale che impartisce un magistero cui tutti i fedeli sono tenuti a conformarsi, né un ceto di consacrati (i sacerdoti) che fungono da mediatori tra Dio e il credente, conferma questo punto di vista.
(da M. Campanini, I sunniti. La tradizione religiosa maggioritaria dell'Islam, Bologna, Il Mulino, 2008, pp. 11-12)*

(*) I titoli contrassegnati con l'asterisco sono disponibili, o in corso di acquisizione, per la consultazione e il prestito presso la Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo (lun.-ven. 9-19)
Presso la sede della Biblioteca, dopo una settimana dalla data della conferenza, è possibile ascoltarne la registrazione.

Ciclo:
Dimensione urbana e questioni teologiche nella storia delle religioni
News
News

Eventi e notizie dai Collegi Universitari e dall'associazione.

Progetto educativo
progetto educativo